OS X, Universal Binaries

Un anno fa, quando Apple annuncio` che avrebbe migrato su architettura x86, mi interrogavo su quale struttura avrebbero usato per garantire la compatibilita` tra le piattaforme, immaginando che avrebbero utilizzato un concetto analogo ai fat binaries di NextSTEP.
Stanotte, mentre tentavo inutilmente di spiegare al mio corpo che erano le 3AM, e non le 6 di pomeriggio (e che di conseguenza era il caso di dormire, e non di andare in giro per Internet) mi sono imbattuto in questo articolo che discute sicuramente meglio di come possa fare io della struttura degli Universal Binaries / Mach-O eccetera.

Trovo particolarmente interessante il fatto che sia perfettamente lecito costruire uno Universal Binary che contenga un programma A per una certa architettura e uno B per l’altra. Al momento mi vengono in mente solamente applicazioni piu` o meno sensate di questo1, ma sicuramente ce ne sono di possibili e maligne che ora mi sfuggono…

1. una e` che il programma A/ppc sia in realta` un popup che notifica all’utente che l’applicazione B/x86 non e` disponibile per la sua piattaforma, o viceversa.

Author: zen

Geek of all trades, having fun with *NIX, the Internet and computer security since 1995.

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close